Sei di Vittuone se...

28.05.2014

Ciao a tutti, 
come (forse) saprete è stata creata un gruppo su facebook "Sei di Vittuone se ..." e in soli due giorni hanno aderito 1108 membri [Attualmente sono quasi 1400 NdR].
E' nato uno scambio di emozioni, ricordi di vita vissuta, ecc. e qualcuno (Daniele Rasty Restelli) ha pensato bene di scrivere quattro righe su Vittuone. 

Ecco alcuni commenti:
...alla fine la storia siamo noi, noi che nel quotidiano viviamo scattando fotografie indelebili di luoghi, persone, momenti, suoni, parole, profumi e sapori.. ognuno di noi lascia un segno, chi più, chi meno, non servono epiche gesta.. un applauso a Daniele che ha fedelmente riprodotto queste polaroid.. nulla tiene più viva la memoria del racconto.. complimenti! E complimenti a tutti per aver regalato una fotografia 

Da qui è nata la richiesta di pubblicare "la fotografia" di Vittuone su "VITTUONE INFORMAZIONI" per condividerla con tutti i nostri concittadini.

Di seguito le poesie di Daniele Restelli, in italiano e in dialetto.


Sei di Vittuone se …

Dedicato a chi ha riempito sta pagina di pensieri
Facendo affiorare i ricordi del nostro ieri
Le caramelle del Ginela che pagavi meno
Il Gildo, il sacrista e il muro dell’arcobaleno
Le sigarette della Donata e il bar Elisa
Il palo e le paste della Monna Lisa
Era rosso Paolino....e via di corsa
Arriva il Barbirotto, dai fai su la borsa
Con la frutta del Magneta o il Macumba
In bici alla stazione di corsa, altro che zumba
Al Samal per il bus...o al Palo davanti alla cascina
Gramsci, Alighieri, Fermi o Venini...di prima mattina
Con focaccia del Re o schiscètta del Pita
Tifando PO o CS per tutta la vita
Milanesi, bognetti e tutti gli allenatori
Tosi, Veto e Majerna i grandi imprenditori
Poi dalla Tilde a bere una spuma scura
Scarpe del Tale...e via sa làura
Gelato al Fagnani, mercato in piazza
Le giostre pure...e a noi chi ci ammazza?
Quelli di confine non sono alla pari
Li asfaltiamo ma solo con pneumatici Molinari
Su macchine preparate dal Valerio Michele
Con fari al neon venduti dal Bele
Il Mirto in scooter con la siga in bocca
Con il Ronnie, il Leva e chi ancora ci tocca
Immortalati dal Zattoni, giornale dal Taldone
Poi una pizza alla Ruota a tutte ste persone
Guidati dal Baglio e benedetti dal Don Franco
Con tutti gli insegnanti al nostro fianco
Sbarbati e meno pettinati dal Diego
Enzo, Annibale o Manunta...mi spiego?
Lo stile è nostro ... fin da bambino
Dalla prima limonata al coro alpino
Con alito fresco caramellato dal Bolchi in bottega
Dopo un bel rosso alla sportiva in cadrega
Giocando a carte con il Pinlèna
Sotto la Bogia dora a scipàs la s’cèna
Miei cari compaesani ... è lunga la strada
Dalla Garascia alla stasion ad un’altra contrada
Manteniamo memoria della nostra storia
Teniamo vivo Vittuone ... è già una vittoria!

 

Sei di Vittuone se … sai il dialetto

In via Zara a guardà i stell in dal marigon
piscinin cunt’al me pà a Vituon
la vita l’eva dulsa e l’eva bèla
quasi cumè i caramei dal Ginèla
in da la Tilde o al Bar Elisa a bee un bianchin
sem pasà tuc,num doch,da piscinin
o in da l'Adele a l'uratori giugà al balon
a la spurtiva a vusà e giugà a brisculon
adess a gh’em al magon,par al nost paes
sem in poch...parchè in tutt giargianes
quand num andeum al cioss cunt i tusanett
o al coro alpino a pastrugnà un pari da tett
in dì casin a ciapà al salam e al lacc quel bon
paes di matt,di foeura da cò, beh di cujon
ma gh’em al coeur grand ‘me la bogia e sem tuc d'or
laurà, ca e gesa,, testard ‘me un tor
cirighitt ognun cunt’al so pret, cunt i so futugrafii
un amis, un post, un bar...in di vecc vii
quanti facc hem cugnusù, e quanti in andà
ma dal to paes l'è inutil dill, ta poeu no scapà
cumpagn da scoeura,cui suranom… mi sum al Restèll
quel un po' matt da tri fradei, ma al pusè bell
gh’ho tanti ricord, i cumpagn da scoeura e i vecc ca gh’inn pù
saludas in piasa e vusà…. ma va da via al cù
la mia nona e la fadiga, la stasion e al trenu c’al vusa
e in sul sagrà par vidè chi l'è ca sa spusa
adess al dialett al senti no... a disan ga voeur l'ingles
ma va ciapà i ratt… mi parli dal me paes
e ti ca ta leng.... adess ta gh’è i oeucc lustar me i stell
quei che guardevi in dal marigon, e Vituon l'è propri bell

Daniele Rasty Restelli