PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

La Legge Regionale 11 marzo 2005, n. 12, sul governo del territorio, innova in maniera sostanziale la disciplina urbanistica previgente (Legge Regionale n. 51/75).

La legge regionale prevede tra l'altro il PGT quale nuovo strumento di pianificazione urbanistica comunale, in sostituzione del Piano Regolatore Generale (P.R.G.), che si articola in tre componenti fondamentali:

Il Documento di Piano è il primo degli atti costituenti il Piano di Governo del Territorio (PGT) secondo le innovazioni della L.R. n. 12/2005 e s.m.i. e costituisce l'atto strategico di definizione delle politiche e delle azioni per lo sviluppo ed il governo del territorio comunale, motivandole in relazione alle caratteristiche degli insediamenti, alla natura e alla qualità delle trasformazioni in atto, alle attese e alle proposte dei cittadini e degli altri soggetti presenti nel percorso partecipativo attivato nel quadro della procedura di Valutazione Ambientale Strategica (VAS).

Il Piano dei Servizi è lo strumento per armonizzare gli insediamenti con il sistema dei servizi, per garantire la vivibilità e la qualità urbana della comunità locale. Compito del Piano dei Servizi è definire le azioni per l'adeguamento delle attrezzature pubbliche e di interesse pubblico o in generale alle esigenze dei cittadini. Il Piano dei Servizi non ha termini di validità ed ha effetti sul regime giuridico dei suoli.

Il Piano delle Regole, strumento di controllo della qualità urbana e territoriale, disciplina, in base alla vigente legislazione statale e regionale, le parti del territorio comunale riguardanti:

  1. gli ambiti del tessuto urbano consolidato;
  2. le aree destinate all'agricoltura;
  3. le aree di valore paesaggistico ambientale ed ecologiche;
  4. le aree non soggette a trasformazione urbanistica.

In questo contesto, il Piano delle Regole serve a dare un disegno coerente della pianificazione sotto l'aspetto insediativo, tipologico e morfologico nonché a migliorare la qualità paesaggistica dell'intero territorio comunale. Le disposizioni contenute nel Piano delle Regole hanno carattere vincolante e producono effetti diretti sul regime giuridico dei suoli.

L’Amministrazione comunale intende mettere in atto tutti gli studi ed analisi tecniche necessarie per la redazione di variante al Piano di Governo del Territorio, pertanto come previsto dalla Legge Regionale 11 marzo 2005 n. 12 “Legge per il governo del territorio” e per assicurare la giusta pubblicità e la trasparenza delle attività che conducono alla formazione degli strumenti urbanistici, in conformità alle funzioni trasferite dalla Regione Lombardia di cui all’art. 3, comma 14 della Legge Regionale 5 gennaio 2000 n. 1 mette a disposizione della cittadinanza, delle Associazioni e di chiunque ne abbia comunque interesse, tutta la documentazione per consentire un processo partecipativo.

Si sottolinea l’importanza della partecipazione, perché permetterà di far emergere le esigenze sia personali che pubbliche, le quali consentiranno di svolgere un’analisi puntuale propedeutica alla stesura della variante del Piano di Governo del Territorio.

A questo proposito, è stato istituito un blog al seguente indirizzo: www.pgtvittuone.blogspot.it

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del FileModificato il
Scarica questo file (Vittuone - strategie preliminari.pdf)Vittuone - strategie preliminari.pdfDocumento programmatico preliminare780 kB05.10.2015